WhatsApp, il fenomeno di massa che coinvolge 900 milioni di persone al mese nel Mondo!


E diventato un vero fenomeno di massa. E, in fondo, per rendersene conto, basta girare in città e ovunque è possibile scorgere qualcuno -poco importa l’età o il sesso d’appartenenza-  chino sul proprio cellulare o smartphone a roteare vorticosamente le dita sullo schermo o sulla tastiera. Potete scommetterci, sta whatsappando con qualcuno: amico/a, parente, fidanzato/a, sorella, fratello, marito, moglie, amante, collega.

Diretto, facile da usare, costo prossimo allo zero, il grande vantaggio di poter comunicare senza essere ascoltati da chi è intorno…  Insomma, WhatsApp (applicazione di Facebook) per certi aspetti sta soppiantando la chiamata telefonica classica. E il fenomeno è in continua crescita  superando ogni record fatto già registrare in passato. La popolare applicazione di messaggistica istantanea, infatti, ha raggiunto 900 milioni di utenti attivi al mese. L’annuncio è stato dato Jan Koum, (CEO di WhatsApp), e successivamente condiviso da Mark Zuckerberg.

Così, dopo l’incredibile successo di Facebook che ha visto 1 miliardo di utenti che hanno effettuato l’accesso in un solo giorno, adesso è il turno di WhatsApp. Questo nuovo dato rappresenta un importante passo in avanti, visto che lo scorso aprile 2015 era stato annunciato il raggiungimento di 800 milioni utenti attivi e una crescita del 50% nei precedenti 12 mesi. WhatsApp, che fu acquisita il 19 febbraio 2014  da Mark Zuckerberg, CEO (Chief Executive Officer) di Facebook, per 19 miliardi di dollari, ha continuato a crescere a ritmi impressionanti. All’inizio di quest’anno, infatti, era stata toccata quota 700 milioni di utenti attivi, mentre nell’agosto 2014 l’applicazione aveva raggiunto quota 600 milioni.

“Numeri” di Facebook e WhatsApp che sono impressionanti se comparati con quelli di Twitter. Quest’ultimo, durante il mese di luglio, ha annunciato di aver raggiunto quota 316 milioni di utenti attivi con una crescita del 3% rispetto al precedente quarto. WhatsApp è stata fondata nel 2009 ed è nata, principalmente, come applicazione base di messaggistica tramite internet. Negli ultimi mesi è cresciuta, al punto tale da introdurre nuove funzionalità tra cui le chiamate vocali, con l’obiettivo di diventare diretta concorrente di applicazioni come Skype e Viber.

Prossimo obiettivo? Potete giurarci, sarà 1 miliardo di utenti al mese e di questo passo non mancherà tanto all’ennesimo incredibile traguardo numerico.  E statene certi Jan Koum e Mark Zuckerberg staranno già fregandosi le mani pensando al nuovo successo.

Articolo successivo La guerra che uccide l’arte, distrutte antiche tombe romane "a torre" a Palmira

Articolo precedente Jobs Act, approvati gli ultimi quattro decreti attuativi. CIG estesa ad altri 1,4 milioni di lavoratori

Marcello Mulè

Autore: Marcello Mulè

Marcello Mulè, giornalista pubblicista, è il direttore responsabile di questo quotidiano. Ha collaborato negli anni con varie testate giornalistiche web di carattere sportivo ed è stato anche co-conduttore di programmi televisivi e radiofonici, nonché inviato "sul campo" in tanti stadi d’Italia, per varie emittenti tv anche a diffusione nazionale. Autore del romanzo calcistico - autobiografico “Ogni santa domenica!”

Notizie correlate

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

digital agencyneikos