È proprio vero… le web radio oggi sono diventate una grande realtà! E a pensare che tornando indietro solo di qualche anno e si parlava di emittenti in rete, non solo si faceva fatica a comprendere di cosa si stesse discutendo, ma il più delle volte l’atteggiamento più risaltante era un mero scetticismo nei confronti di questa nuova tipologia di comunicazione.

Oggi, grazie anche al supporto dei social, le radio online non sono più “queste sconosciute” anzi, in alcuni casi, sono considerate al pari di strutture che trasmettono in FM, per tipologia di palinsesto e cura dei contenuti. Anche gli “aggregatori” sono risultati utili a dare ulteriore visibilità alle web radio… uno su tutti è il portale www.webradioitaliane.it il , primo “aggregatore” di sole web radio rigorosamente italiane.

Al suo interno ci sono più di 300 emittenti classificate per tipologia musicale. Il portale, oltre a diffondere il flusso di ogni singola radio, ne segue anche lo sviluppo, sia in termini di ascolti che di crescita professionale, questo al fine di premiare ogni anno quelle che sono le “Migliori Web Radio” a livello nazionale.

Per quanto riguarda il 2019, Crazy Radio, con la quale la nostra testata ha allacciato già da tempo una interessante partnership,  è risultata la “Miglior Web Radio Italiana”, al pari di altre 3. “Faccio i miei complimenti a Crazy Radio”, ha dichiarato Max Fuoky amministratore e fondatore di WRI; “abbiamo deciso di conferire questa attestazione per l’ottima professionalità, per l’impegno profuso e per l’organizzazione del palinsesto… abbiamo notato una grandissima voglia di crescere e di dare agli ascoltatori un ottima qualità del prodotto. Bravi e continuate così”.

“Tutti noi di Crazy Radio ringraziamo “Web Radio Italiane”, Max Fuoky ed i suoi collaboratori per il riconoscimento che ci hanno voluto attribuire. Il nostro impegno è quotidianamente quello di cercare di essere sempre più professionali: per noi la radio è una passione ma anche un lavoro autentico che va coltivato giorno dopo giorno”.