Le elezioni del 2018, che hanno visto la splendida affermazione del Movimento 5 Stelle, verranno ricordate a Benevento per il successo di donne semplicemente coraggiose e pronte a dimostrare che il desiderio di migliorare la società, per migliorare la vita di tutti può essere la giusta marcia per vincere.

Il cuore è stato al centro di questa maratona al femminile, dove i battiti sono stati tanti, più delle mani da stringere, i sorrisi innumerevoli hanno accompagnato le storie di tutti i giorni.

Non è banalità. È la sincera compostezza di persone che ogni giorno vivono problemi comuni alla maggior parte degli italiani. Di chi in ogni momento si trova a dover fronteggiare spese straordinarie e licenziamenti, pagamenti eccessivi e aumenti in bolletta. Di chi, comunque, sorride alla vita e alla salute.

Il “mistero”, se così può essere definito, di questa campagna elettorale è stato l’essere veramente parte della gente, sinonimo di “popolo”, inteso come gruppo umano che si autopercepisce.

La percezione, infatti, è stata la protagonista! La consapevolezza di ascoltare persone comuni, tese alla cognizione, ma anche alla soluzione possibile, lontani dall’invenzione e fin troppo vicini alla conoscenza diretta dei problemi.

La comprensione ha accompagnato l’elettore dei 5 Stelle per tutto il tragitto della maratona mediatica e fisica. È la marcia in più che ha esaltato il messaggio diretto e corretto.

Questo era il momento storico in cui la gente aveva bisogno proprio di questi candidati. La mossa vincente è stata la scelta di persone appartenenti a fasce sociali di cultura e allo stesso tempo semplici, popolari, comunicative.

Nulla togliere alle scelte di altri partiti che hanno puntato su obiettivi diversi!

Nel rispetto di tutte le coalizioni e di tutti i candidati delle elezioni 2018, la strategia vincente non si può nascondere ed è stata premiata.

La semplicità di un sorriso supera anni di governo.

Il popolo ha scelto la genuinità e chi ha sentito più vicino alle esigenze comuni.

Ora bisognerebbe dare l’opportunità a queste donne di poter lavorare e migliorare la vita di tutti. Bisognerebbe dare loro l’opportunità di realizzare il sogno: una vita migliore, un futuro sereno.

A volte un vincitore è semplicemente un sognatore che non ha mai mollato”. (Nelson Mandela)