Nella mattinata di oggi lunedì I° luglio, nell’Aula Magna dell ‘Università Telematica “Giustino Fortunato” di Benevento, si è svolta la conferenza stampa di presentazione dell’atleta Maria Varricchio, unica rappresentante sannita presente alla XXX^ Universiade   Napoli 2019  e allieva del citato Ateneo.

Presenti alla manifestazione  Maria DeFeo, in rappresentanza del prefetto di Benevento, Vincenzo Lauro, in rappresentanza del Sindaco di Benevento, Luigi Bonagura  Questore di Benevento, Mario Collarile, Delegato provinciale del Coni, Biagio Meccariello, atleta già vincitore delle Universiadi 2015 nel settorecalcio. Ha moderato l’incontro Alfredo Salzano, giornalista e redattore capo di TV7 e Radio International.

Ha aperto la conferenza Paolo Palumbo, docente di Istituzioni di Diritto Pubblico, Diritto Ecclesiastico, Diritto e legislazione dei beni culturali e Diritto Canonico all’Università degli Studi “Giustino Fortunato”, che ha voluto ricordare come le Universiadi siano una vetrina dello sport e, nel caso di Maria Varricchio, un’occasione importante per i prestigio dell nostro territorio. Lo sport, ha ricordato Palumbo, è competizione serena, esperienza di sfida nel rispetto dell’avversario , di vittoria e di  accettazione della sconfitta.

L’intervento della De Feo ha sottolineato l’importanza che un evento sportivo come le Universiadi, cui partecipa una nostra rappresentante, significhi per il nostro territorio, laddove lo sport interpreta la cultura di un paese anche a contribuire alla formazione generale dell’individuo. Ella porge i  complimenti a Maria che consentirà, grazie alla sua presenza ad un evento di levatura mondiale, di portare il territorio sannita all’attenzione di un grande pubblico anche internazionale ed il suo capoluogo, al ruolo che merita in virtù della  sua storia e dunque apprezzato.

Enzo Lauro, a nome del Sindaco di Benevento, ha voluto poi ringraziare quanti hanno contribuito alla riuscita della presentazione delle Universiadi nella nostra città e soprattutto i tanti tedofori beneventani che hanno portato la torcia delle gare sportive attraverso la città nella giornata del 24 giugno, in un percorso che al momento è solo podistico, ma che diventerà, a breve, percorso turistico. Ringraziamenti sentiti sono stati offerti ovviamente a Maria che rappresenta un vanto per la città.

Il Collarile ha voluto poi ricordare l’importanza dello sport al femminile che rappresenta anche una forma di cultura di genere di cui si sente certamente la necessità. Egli ha concluso il suo intervento ricordando poi che le ‘streghe beneventane’ sono sempre bellissime.

Il Questore Bonagura ha rivendicato il piacere, l’onore e l’orgoglio di stare accanto ad una campionessa del gruppo Fiamme Oro della Polizia di Stato e ha voluto ricordare un passo di una lettera scritta da Maria nella quale ella ricorda l’importanza della forza di volontà e del sostegno della famiglia nel raggiungimento di obbiettivi sportivi che rappresentano, per lei, anche obiettivi di vita.

E’ intervenuto poi Biagio Meccariello, già vincitore delle Universiadi nel 2015 in Corea con la pratica del calcio, che, mostrando la sua medaglia d’oro, ha voluto fare gli auguri a Maria ricordando la sua esperienza come fonte di grande soddisfazione, ma anche di impegno e forza, un impegno che però vale sempre la pena di profondere per la realizzazione di un sogno.

Ha preso quindi la parola Maria Varricchio, allieva dell’ Unifortunato per il corso di Laurea in Psicologia e membro del gruppo delle Fiamme Oro della Polizia di Stato. Recentemente ella ha conquistato la medaglia d’oro nella specialità della pistola ad aria compressa a 10 metri, categoria donne, stabilendo un nuovo record italiano. Tale risultato le ha consentito di superare di 4 punti il suo record personale centrato lo scorso anno a Bologna, dove aveva anche vinto il titolo italiano.

Ella si è dichiarata contenta della sua esperienza sportiva che, contrariamente a quanto si possa pensare, non le ha fatto dimenticare l’importanza dello studio e, poiché lo sport, specie il suo, ha sempre bisogno di concentrazione mentale Lo sport è attività soprattutto “di testa” ha dichiarato, ragione per cui ella ha deciso di studiare psicologia per poter aiutare, in futuro, tutti gli atleti che potrebbero aver bisogno di equilibrio psichico nel loro percorso sportivo. Ha ricordato che le sue gare si svolgeranno il giorno 7 luglio , singolarmente e il giorno 9 in coppia e nelle quali  si è augurata di poter continuare ad avere e dare soddisfazioni. Ha voluto ringraziare  quanti le hanno dimostrato stima e fiducia per le  sue prestazioni sportive e soprattutto quanti le hanno offerto consigli che, si augura, le consentiranno di rappresentare al meglio la sua città.

Da ex docente di Maria  e appassionata di sport non possiamo che dire : “Auguri Maria, ad maiora”!!