“In occasione della Giornata mondiale contro lo sfruttamento del lavoro minorile,  l’UNICEF ricorda che 150 milioni di bambini tra i 5 e i 14 anni nei paesi in via di sviluppo, circa il 16% di tutti i bambini e i ragazzi in quella fascia di età, sono coinvolti nel lavoro minorile. Nei paesi meno sviluppati, circa un bambino o ragazzo su 4 (tra i 5 e i 14 anni) lavora, correndo seri rischi per la sua salute e il suo sviluppo”, ha dichiarato Giacomo Guerrera, Presidente dell’UNICEF Italia.

La più alta percentuale di bambini lavoratori si trova in Africa subsahariana (il 25% di quelli tra i 5 e i 14 anni). In Asia meridionale, il 12% dei bambini nella stessa fascia di età svolge lavori potenzialmente dannosi, rispetto al 5% dei bambini che vivono in Europa centrale e orientale e Comunità degli Stati Indipendenti (CEE/CIS), la regione con il minor tasso di bambini lavoratori. Nei paesi più poveri del mondo, circa 1 bambino su 4 lavora e questo è potenzialmente dannoso per la loro salute. In quasi tutte le regioni, per i ragazzi e le ragazze ci sono le stesse probabilità di diventare bambini lavoratori. A eccezione del Medio Oriente e Nord Africa e di America Latina e Caraibi, dove i ragazzi hanno solo qualche possibilità in più rispetto alle ragazze di lavorare. Le disparità di genere si verificano a seconda delle attività svolte, le ragazze hanno più probabilità di essere sfruttate per i lavori domestici.

In Asia Meridionale sono 77 milioni i bambini lavoratori. In Pakistan l’88% dei bambini tra i 7 e i 14 anni che non vanno a scuola, lavora; in Bangladesh sono il 48%, in India il 40% e in Sri Lanka il 10%.

L’UNICEF lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile con programmi di sensibilizzazione, prevenzione e reinserimento scolastico o lavorativo per bambini lavoratori, ex-bambini soldato e bambini di strada, che prevedono orari flessibili, metodologie didattiche partecipative e un apprendimento che contempla competenze utili per la vita quotidiana e per la formazione professionale.

Oggi a Firenze, nell’ambito delle Giornate del lavoro organizzate dalla CGIL, verrà presentato il teaser del lungometraggio animato “Iqbal: bambini senza paura” ispirato alla storia di Iqbal Masih, il bambino pakistano ucciso nel 1995 per aver denunciato i suoi sfruttatori dopo anni di schiavitù nella manifattura  di  tappeti. Il film prodotto da GERTIE in collaborazione con diversi partner, tra cui l’UNICEF Italia; presente al dibattito Andrea Iacomini, Portavoce UNICEF Italia.

 

L’UNICEF Italia sostiene il progetto “Scuola e protezione per i bambini di strada in Bangladesh” per migliorare l’accesso a servizi di protezione sociale delle famiglie più povere e vulnerabili, al fine di ridurre abusi, violenze e sfruttamento a danno di donne e bambini.

È possibile sostenere il progetto dell’UNICEF “Scuola e protezione per i bambini di strada in Bangladesh” con una donazione tramite:

– bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia,

– carta di credito online sul sito www-unicef.it,

oppure telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000

– bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051.

 Per maggiori informazioni: Ufficio Stampa UNICEF Italia: tel.: 06/47809233-346,cell. 335/7275877 e 334/1196798; e-mail: press@unicef.it; sito-web: www.unicef.it. Portavoce: tel.: 06/47809355 e 342/8096397; e-mail: portavoce@unicef.it