(Luciaelisa Luongo) – Quella mattina il sole si innalzava come sempre; ma questa volta felice e gioioso della nuova giornata che iniziava, con le sue nuove mille peripezie e avventure. Era la giornata preferita da tutti: la domenica.

Vi è mai capitato di voler trascorrere una domenica diversa? Di poter stare con la propria famiglia? O semmai divertirsi con i propri amici? Insomma, desiderare una domenica che ti avrebbe cambiato?

C’era una gran folla quella domenica mattina allo zoo delle “Maitine” (nei pressi di Benevento), tanti occhi sorridenti di bambini che sbucavano di qua e la, con le loro risate che riempivano tutta l’atmosfera. Oppure adulti con le loro varie curiosità sugli animali più bizzarri , ma anche adolescenti entusiasti di assistere alle attività più elettrizzanti come il volo del falchi. Il sole era favorevole e l’aria allegra.

L’impressione che ho acquisito è di un luogo tranquillo e accogliente per tutti gli animali. Infatti l’ obiettivo del team è di riuscire a far comprendere l’educazione ambientale in tutte le fasce d’età.

In questo luogo sono presenti animali provenienti sia dall’America come l’alpaca o i coati, dall’Africa con la figura dominante del leone o del suricato, l’Austria con il cigno nero e l’emù e infine dall’Oriente vi è il cammello o il pitone reticolato. Oltretutto all’interno dello zoo vi è anche la fattoria per entrare in pieno contatto con capre, criceti o conigli.

“Gli animali sono simili a noi, e dobbiamo amarli per questo, perché il simile ama il simile in cui ritrova una parte di se stesso. Ma soprattutto dobbiamo imparare a conoscerli, perché l’amore, quello vero, è figlio della conoscenza” affermava il celebre scrittore, sceneggiatore, politico e drammaturgo Giorgio Celli.

Di fatto lo zoo è l’ambiente per eccellenza in grado di conservare specie animali e vegetali in via di rarefazione e poter garantire loro un benessere sia fisico che psicologico.

Secondo me lo zoo è il luogo cardinale nel riuscire ancora a conservare diverse specie di animali, molte purtroppo in estinzione, al contrario della caccia dove l’’unico “divertimento” vile sta nell’uccidere animali senza alcuna sensibilità e astio. La scomparsa di una sola specie costituisce un danno irreparabile per tutti gli esseri viventi. Anche solo la scomparsa di un unico tipo di animale incide gravemente sugli equilibri biologici, sui quali grava la sopravvivenza di tutti.