Presentata oggi al Conservatorio Nicola Sala, la Festa Europea della Musica che si terrà in città il 20 e il 21 giugno prossimi.

“200 esecutori, 30 ore di musica, 45 concerti, 10 location” annuncia la brochure.

“Numeri che si stanno modificando di minuto in minuto – aggiunge il direttore Giuseppe Ilario – e che porteranno la nostra Festa ad avere molti concerti in più di quelli previsti”.

Coniugare territorio ad espressioni musicali questo l’intento del Conservatorio Nicola Sala così come h dichiarato il presidente Caterina Meglio.

“Abbiamo trovato una forte sinergia con il comune di Benevento che ha reso possibile l’utilizzo di molti spazi ed abbiamo anche ottenuto il patrocinio di Provincia, Unione Europea, Prefettura, Camera di Commercio, Diocesi, Coldiretti, Consorzio tutela dei vini”.

“E’ molto importante – ha dichiarato l’Assessore alla cultura Raffale Del Vecchio – che si promuovano sempre più azioni sinergiche tra enti e istituzioni per proporre la cultura del nostro territorio”.

Poi l’accenno alla futura gestione degli eventi culturali atteso il cambio di guardia in Regione Campania che “speriamo capisca l’importanza della storia  e della cultura della nostra città”.

Le note musicali musica inonderanno  la città e in ogni location verrà proposto un tipo diverso di musica in rapporto alla specificità del luogo, considerando anche che si vuole che sia una grande festa popolare capace di abbracciare i diversi gusti e di valorizzare tutti gli allievi del Conservatorio. Tra le novità, oltre i punti degustativi nei pressi di ogni luogo interessato a cura della Coldiretti e di Campagna Amica, anche uno spazio curato dalla Consulta degli studenti che metterà a disposizione di chiunque voglia un pianoforte a coda dove ci si potrà esibire.

Presente in sala anche Vincenzo Ianniello, vice direttore della Coldiretti, per il secondo anno consecutivo al fianco del Conservatorio.