Il Benevento conquista un’importantissimo punto sul campo dello Spezia. Al termine della gara ecco le parole dei protagonisti:

ITALIANO

“Per quanto riguarda la ripresa abbiamo creato tanto e abbiamo cercato di vincerla, abbiamo preso 2 traverse  e abbiamo segnato il gol del pareggio. Queste sono partite che quando passi in svantaggio c’è il timore di perderla. Abbiamo dimostrato carattere e rimediato allo svantaggio e quindi faccio un applauso ai ragazzi per la prestazione. Mi dispiace per l’errore che abbiamo fatto sul gol. Prepariamo la prossima contro una squadra fortissima (Atalanta). Sono contento per i cambi che sono entrati tutti bene non come l’altra volta. Ho cercato anche di giocarmi la carta Galabinov per sfruttare il forcing finale. Tutti dalla panchina sono entrati bene, concentrati e con la voglia di incidere di questo sono contento. Cosa ci manca? Credo un pizzico di buona sorte come nelle 2 traverse colpite oggi. Manca anche un po’ di maturità, la pazienza che dobbiamo avere contro avversarsi che si chiudono e ripartono. Siamo vivi e in corsa con tutte le altre. Se questo è l’atteggiamento dobbiamo essere più che fiduciosi.”

TELLO

“Sapevamo che era una partita importante e l’abbiamo affrontata carichissimi. Siamo stati compatti e concreti Ci manca un po’ di fortuna, come sull’azione del gol subito dove eravamo tutti nella nostra metà campo e la palla è finita sui piedi di Verde. La squadre però è stata coraggiosa, umile e non ha mollato mai. Ci portiamo a casa un pareggio importante contro una squadra forte che ha un bel gioco, ma noi oggi eravamo molto concentrati e non abbiamo concesso grandi palle gol. Per quanto mi riguarda la mia prestazione sappiamo tutti che le opportunità arrivano, e che il mister da fiducia a tutti, l’importante è farci sempre trovare pronti. Siamo venuti qua a fare una partita di squadra oggi si è visto un Benevento che ha lottato come gruppo l’uno per l’altro e questo ci portiamo a casa insieme al punto. Gaich? E’ arrivato da poco, ed essendo sudamericano come me, gli ho dato il benvenuto e cerco di fargli anche da traduttore con tutti. E’ un ragazzo umile e tranquillo e ha capito subito il nostro spirito, come ha dimostrato oggi lottando su ogni palla come abbiamo fatto tutti. Il mio ruolo di oggi? Oggi ho giocato esterno più alto ma è un ruolo che conosco, perché lo facevo anche nel 4-4-2 dell’anno scorso. Mi sono trovato bene e se mi da fiducia il mister non ci sono problemi. Non è importante solo il punto, ma l’atteggiamento che abbiamo avuto, quindi guardiamo solo alle cose positive, non solo al punto che ci portiamo a casa. L’importante è essere tornati a giocare da gruppo.”

IMPROTA

“Il presidente è di poche parole, ma quando parla almeno a me mi trasmette tante emozioni. Lui è un combattente, ci tiene tanto, lotta ed è sempre al nostro fianco, come quando a Bologna dove ci ha accompagnato sotto la neve. Questo è un punto ottimo conquistato su di un campo difficile. Bisogna continuare così giocando con questo spirito, e da “squadra”. Credo che questo l’abbiamo sempre dimostrato al di la dei risultato, come anche il grande attaccamento che abbiamo alla maglia. Faccio i complimenti a Gaich ma anche a Tello che non giocava da un po’ di tempo e ha fatto una grande gara. Non credo che questo sia un nuovo rilancio, ma certamente siamo stati più compatti, coesi contro una squadra che su questo campo ha fatto grandi risultati, qua ha battuto il Milan, ma noi abbiamo fatto una grande partita, eravamo in vantaggio e abbiamo preso gol quando eravamo tutti in aerea e il pallone invece è capitato sui piedi di Verde. Ma la strada è quella giusta, lo Spezia, specialmente nella ripresa ci ha messo un po più in difficoltà, ma sapevamo di trovare una squadra che ha gioco e qualità. Noi dovevamo mettere tanta voglia come fatto sempre, ma indubbiamente oggi siamo stati più cattivi sulle seconde palle e per questo dobbiamo continuare così. Siamo un grande gruppo formato da tanti anni e quindi dobbiamo andare avanti così, dobbiamo migliorare sul profilo del gioco palla al piede, ma oggi sono contento di aver visto una squadra dove ci ammazziamo l’uno per l’altro: questo è quello che mi piace di più vedere in campo. In quanto a me, lavoro tanto per farmi trovare sempre pronto come mi chiede il mister. Non era facile cambiare modulo, durante la settimana e anche a partita in corso, ma l’abbiamo fatto e questo è un grande merito.”

INZAGHI

“La squadra oggi ha dimostrato grande spirito e compatezza, avevamo tantissime assenze e quindi l’obiettivo era quello di riuscire a portare a casa il più possibile. Non vuole essere una scusante, ma avevamo avuto un giorno in meno di riposo, e anche il viaggio sulle spalle visto che abbiamo giocato mercoledì. Nonostante questo abbiamo pressato tanto ed eravamo pericolosi quando ripartivamo, non soffrendo mai tanto. Oggi era importante muovere la classifica nell’attesa di poter recuperare energie e giocatori, magari già per affrontare la partita di sabato che sarà importante (Fiorentina ndr.). Oggi devo ringraziare Improta e Tello che si sono sacrificati perché non avevamo terzini. Gaich invece sapevo che aveva un tempo nelle gambe, ma poi l’ho visto bene per 60 minuti e anche per alzare la condizione l’ho lasciato in campo un po’ in più. Sapevamo di poter contare su di lui, che è un bravo ragazzo, ma dobbiamo anche ricordarci che ha vent’anni e non va caricato di troppe responsabilità ma oggi ha dimostrato cosa ci può dare. Credo di non aver mai perso il mio Benevento, ma solo che la serie A è difficile e va affrontata in una certa maniera. In quanto a prestazioni sono più rammaricato per quella contro il Napoli, ma quella con il Verona quasi non fa sesto, tenendo presente che anche un toro avrebbe avuto difficoltà se dopo 20 minuti eravamo già sotto di 2 gol presi per nostri errori e avevamo perso Letizia per infortunio. Io ormai conosco bene il gruppo, so le difficoltà che si presentano perché siamo in serie A, ma con questo spirito possiamo continuare a ritagliarci le soddisfazioni che già ci stiamo prendendo. Spezia e Benevento hanno un’ottima classifica e stanno facendo ottime cose. Torneremo a giocare come abbiamo sempre fatto, in settimana cercheremo di lavorare al meglio. Era importante vedere il carattere e la reazione, e la squadra l’ha data e sono contento. Ci sono dei momenti dove si giochi bene e vinci le partite, in altre dove è importante essere compatti e portare a casa fiducia e risultati. Sapevo che con questo sistema di gioco avremmo giocato meno bene, ma oggi serviva compattezza, e forse con un po’ di fortuna l’avremmo vinta. Abbiamo fatto una prestazione da combattimento, con tanta voglia e compattezza. Per quanto riguarda la prossima contro la Fiorentina credo che sarà difficile recuperare sia Depaoli che Letizia, che magari proveremo a recuperare nella sosta. Adesso bisogna rimboccarci le maniche con Fiorentina e Juve, e poi recuperare al meglio nella sosta e giocarci tutto nel rush finale.”