Dopo l’approfondimento con Carmine Ioanna è il momento di Francesco Bearzatti, sassofonista e clarinettista. Continua la proposta della Scuola Civica Alma d’Arte e la Banda del Bukò, in collaborazione con la cooperativa Immaginaria. 
Il seminario è rivolto a tutti gli strumentisti e cantanti con almeno 2 anni di pratica ed esperienza sul campo, desiderosi di aumentare il proprio bagaglio di conoscenze e competenze circa l’improvvisazione jazz e world music. Sarà incentivato anche l’approccio alla musica d’insieme e all’ascolto consapevole.
Francesco Bearzatti è un narratore innamorato delle parole e capace di prodigiose innovazioni, straniero sempre e ovunque eppure profondamente italiano, musicista all’eterna ricerca dell’altro, attirato irresistibilmente dai processi rivoluzionari purché liberi e mutevoli e non rigidi, Francesco Bearzatti ha trascorso l’infanzia nella provincia friulana. Con i coetanei ha condiviso i primi amori musicali, ascolti da rockettaro vero: Led Zeppelin, Deep Purple, poi è arrivato il punk, Ramones, Sex Pistols e tutti gli altri. Diplomato in clarinetto al conservatorio di Udine, Francesco approfondisce gli studi a New York, dove ha modo di incontrare anche George Coleman. Un’occasione di approfondimento e conoscenza imperdibile per i musicisti del nostro territorio.
L’appuntamento è per domenica 9 febbraio 2020, dalle 10:30 alle 18:00 presso la Scuola Civica Alma d’Arte, in via della Repubblica 16, frazione Motta di Sant’Angelo a Cupolo.
Alle ore 20:30, Francesco Bearzatti si esibirà in concerto con il fisarmonicista Carmine Ioanna per presentare l’album Favolando, 2019.
Per info e prenotazioni: +39 338 786 7309