Nuova bufera giudiziaria  su Roma: quarantaquattro tra funzionari e dirigenti di Rai, società del gruppo Mediaset, La7 e Infront (società leader in Italia per la gestione dei diritti sportivi) sono indagati a Roma nell’ambito di un’inchiesta sull’affidamento di lavori e servizi in cambio di utilità come soldi e assunzioni.

Secondo la Procura di Roma sono queste le accuse nei confronti degli indagati. Il corruttore sarebbe David Biancifiori, già agli arresti domiciliari, titolare di una società per servizi di supporto alle produzioni tv. Secondo gli inquirenti  il manager avrebbe più volte pagato o reso favori a funzionari e dirigenti delle diverse reti in cambio degli appalti. Ieri, a seguito delle indagini, sono state effettuate perquisizioni negli uffici di tutte e quattro le società.

Versamenti di denaro, vacanze, biglietti aerei ed assunzioni. I fondi per questa attività sarebbero stati realizzati attraverso sovrafatturazioni dei lavori eseguiti. I funzionari e i dirigenti Rai, in quanto pubblici ufficiali, sono indagati per concorso in corruzione, mentre quelli delle società Mediaset, La7 e Infront per appropriazione indebita.

Le società coinvolte hanno già preannunciato che presteranno la massima collaborazione con gli inquirenti, Molti degli indagati sono stati sospesi in via cautelare. Seguiranno, a quanto pare ulteriori sviluppi dell’inchiesta.