Si è svolta, presso il Teatro De Simone, la conferenza stampa di presentazione de “Il paese dei sogni” e “AnGHInGò Scuola”, le storiche rassegne per ragazzi organizzate dalla compagnia Teatro Eidos e patrocinate dal Comune di Benevento. Rivolte la prima alle famiglie (con un appuntamento domenicale) e la seconda alle scolaresche, le nuove edizioni giungono rispettivamente al quindicesimo e al tredicesimo anno di vita e si arricchiscono, ancora una volta, di interessanti iniziative.

All’incontro hanno preso parte Mimmo Soricelli e Virginio De Matteo, rispettivamente direttore organizzativo e direttore artistico della compagine sannita, insieme a Oberdan Picucci, assessore alla Cultura e Rossella Del Prete, assessore alla Pubblica Istruzione, in rappresentanza del Comune di Benevento.

Mimmo Soricelli ha introdotto il confronto, esponendo nei dettagli linguaggi e temi dei titoli in programma, tra cui saranno presenti anche quest’anno uno spettacolo bilingue (in italiano e inglese), “Alice in Wonderland” e uno itinerante nello scenario impareggiabile dell’Hortus Conclusus, “Il popolo del bosco”, poi uno shakespiriano “Sogno di una notte di mezza estate” a misura di bimbo, un vero e proprio concerto teatrale, “Schiaccianoci swing” e una prima assoluta firmata Eidos, “La vera storia di Cappuccetto Rosso”. Virginio De Matteo ha approfondito proprio gli aspetti più originali di questa piéce, che scompaginerà la trama canonica offrendo un divertente ribaltamento di ruoli. Inoltre, ha illustrato un’importante introduzione per il 2019: tre spettacoli de “Il paese dei sogni”, in collaborazione con l’associazione Nuove Destinazioni d’Uso, saranno accompagnati da un “Laboratorio tra i segreti del teatro”, offrendo così l’occasione di vivere a tutto tondo la magia di questo spazio.

È poi intervenuta Rossella Del Prete, che ha sottolineato il ruolo fondamentale del teatro quale motore di crescita civile e sociale, oltre che culturale, rimarcando l’impegno della Eidos a promuoverlo fin dalla primissima infanzia. Esprimendo l’auspicio di un legame forte e continuativo tra questa forma d’arte e la scuola (che vada oltre la recita di fine anno), ha ribadito la necessità di investire con forza in questa direzione.

A conclusione dell’incontro, l’assessore Picucci ha ripreso una riflessione di Mimmo Soricelli, che ha ricordato come anche quest’anno si suggerisca alle scolaresche di accostare la visione dello spettacolo a un percorso culturale in città, tra monumenti e musei, incentivando un circolo virtuoso. La capacità di valorizzare una filiera territoriale, dunque, insieme alla qualità delle sue proposte e all’intento di favorire con queste una funzione educativa, hanno fatto sì che al Teatro Eidos venisse riconfermato un convinto sostegno istituzionale.

Vanno ricordate, infine, le promozioni messe in campo dalla compagnia per “Il paese dei sogni”, come “Adotta una poltrona” (al costo di 100 € una famiglia o un’azienda potranno sponsorizzare la rassegna) e il ritorno di “Colora il tuo spettacolo”, che invita ogni anno gli spettatori in erba a disegnare il loro titolo preferito: l’autore del più bello verrà premiato (quest’anno è toccato al piccolo Riccardo Giraudi) e la sua opera diventerà il manifesto dell’edizione successiva.