Un atteso ritorno in città. Il 20 settembre alle ore 21 in scena al Tetro De Simone, per il Festival Città Spettacolo, l’attrice Patrizia Santamaria, in “Mamma tu non esisti” della Compagnia del Sole per la regia di Gianni Federico.

La commedia arriva in Italia dopo il successo in America Latina, tratta da “Terapia” del drammaturgo e attore argentino Martin Giner. Come mai questa scelta?

Ritengo che mio marito abbia scelto il testo perché è scritto molto bene, è particolare e interessante.  La traduzione è di Gianni Federico e Antonella Grasso. Ha, sicuramente, bisogno di tempi sostenuti ed è  una bella prova per un ‘attrice, secondo me. C’è dentro tutto: il drammatico, il comico e anche un pizzico di clownerie.

In scena tu nei panni della dottoressa e, il tuo compagno nella vita, Gianni Federico, interpreta il paziente. Il vostro rapporto artistico e sentimentale, la tua famiglia. Come vivi la commistione tra le due passioni?

Mah! (sorride) Forse siamo due folli che si compensano. Comunque, insieme creiamo un’alchimia positiva. La famiglia, i miei figli mi danno forza e sostegno. Tutto è possibile se siamo insieme.

Nel 2014 hai scritto un racconto su Benevento per un libro dal titolo “In co’ del Ponte presso Benevento” una raccolta di novelle sulla città a cura di Danila De Lucia. Ce ne parli?

Una bellissima opportunità di collaborare a un progetto per Benevento. Mi ha dato l’occasione di parlare della mia città dal mio personalissimo punto di vista e ne sono ancora entusiasta. In proposito devo ringraziare anche il giornalista Bruno Menna che mi chiese di collaborare al lavoro.

La tua passione per il teatro, autentica e viscerale, nasce nella culla del Sannio, poi le ribalte nazionali. Puoi raccontare le tue esperienze più belle? 

E certo sono passati un po’ di anni! (Emozionata) Ho cominciato con il laboratorio teatrale a Benevento, creato dalla Solot Compagnia Stabile. Poi sono entrata all’accademia nazionale di arte drammatica in Calabria e da lì è nato tutto. È iniziato dopo il diploma un susseguirsi di tournée con grandi attori: Paolo Ferrari, Lando Buzzanca, Nando Gazzolo, Michele Placido. Questa è la terza città spettacolo a cui partecipo. La prima volta ero in cartellone con “La lupa” con Ida di Benedetto e, qualche anno dopo, ero nel cast di “Uno sguardo dal ponte” con Michele Placido.

E domani?

Ma “sono ancora qua”… come dice Vasco. Scherzo! Il prossimo lavoro sarà “L’avaro di Molière” per la regia di Fabio Gravina, debutterò a novembre al teatro Prati di Roma.

I biglietti per lo spettacolo sono disponibili presso “All Net Service” in Lungocalore Manfredi di Svevia, a Benevento, oppure on-line tramite la piattaforma I-Ticket e saranno in vendita presso la biglietteria del teatro nel giorno dello spettacolo a partire dalle ore 20.

Patrizia Santamaria e Gianni Federico in un momento dello spettacolo