(Serenella Rullo) – Camminando per la strada si sfiorano persone che parlano tra loro, scambiandosi opinioni, impressioni, pettegolezzi. Le due signore, ferme sul marciapiede, sotto un unico ombrello a ripararle dalla pioggia freddina che cade, si informano dei rispettivi problemi di salute: “ernia iatale” si sente mormorare.

Alla fermata dell’autobus, oltre alle “benedizioni” per il cronico ritardo dei mezzi, un ragazzo aspira dalla sigaretta come fosse l’ultima, sotto le occhiatacce di una mamma con bambino.  Il ragazzo è  di colore e “Perché  non va a fumare a casa sua, visto che i soldi per il vizio li ha“…
Davanti al bar, seduti intorno a un tavolino (probabilmente abusivo, che toglie spazio ai pedoni) vari uomini discutono.  Di cosa? Andiamo! L’Italia (del calcio) ha perso la qualificazione ai mondiali di calcio contro la Svezia: c’è  qualcosa che possa mandarci fuori di senno  più di questo?!?
Due operatori ecologici, spazzando stancamente le foglie dal marciapiede, discutono dei turni di lavoro che non approvano, si sentono sfruttati e pensano alle ferie.
Ragazzi appena usciti dal liceo artistico, avanzano dandosi spintoni e dicendo parolacce, coi capelli che invocano l’aiuto d’un paio di forbici e le scarpe slacciate, praticamente fuori dai piedi. Discutono delle prossime feste in maniera non proprio esaltante.
Si ha l’impressione di vivere in un’atmosfera aliena, dove non giunge neanche l’eco della generale realtà umana e sociale del Paese. Non si coglie una parola dei problemi che lo travagliano. L’indifferenza totale, l’egoismo, l‘ignoranza? È  meglio non parlarne nemmeno, tanto che ci possiamo fare?  Si va dall’apatia alla rassegnazione, forse, senza nessun coinvolgimento oltre al piccolo, limitato interesse personale.
Non si discute, come accadeva una volta nelle piazze e per le strade, di scuola, di politica, di pericolosi ritorni al passato.
Sarebbe bello assistere ad un’accalorata discussione sulle prossime elezioni, sui partiti e i loro leader, su chi votare… Invece: è rilevante che Sanremo è Sanremo e che Buffon non giocherà più in Nazionale, e che al Grande Fratello (iattura sociale) succede non si sa cosa e che la tizia ha mollato il tale.
Per favore, ridateci don Camillo e Peppone!