di Luciaelisa Luongo

Vi è mai capitato di entrare in una stanza ed essere avvolti dal profumo di una pianta, o dall’aroma intenso di una di quelle candele profumate, che riescono anche ad entrare nella nostra mente, legandosi ai pensieri e ai ricordi (a volte anche quelli brutti…)? Oppure, avete mai sentito parlare delle cure naturali utilizzate anticamente quando ancora non esistevano i farmaci? Meraviglie della natura!

Non sempre ci rendiamo conto, però, che le piante hanno un’anima, oltre che un proprio ciclo vitale. Come noi hanno dei sentimenti, e sono tristi quando inquiniamo il loro ambiente, e sbocciano dei bellissimi fiori quando stanno bene. E, rispetto a tanta bellezza, la natura, in cambio, ci chiede solo di rispettarla e amarla.

Coltivare le piante, anche in casa, può davvero guarire la nostra anima, aiutando ad uscire da quei profondi turbamenti negativi come l’ansia e la depressione. In questi ultimi due anni difficili, che per i giovani sono stati di forte disagio e di ansia, occuparsi del verde o anche di una semplice pianta rincuora lo spirito, sostenendo mente e corpo. Una semplice pianta consente all’animo di calmarsi e allontanare quella frenetica vita quotidiana che siamo portati a rincorrere, ristabilendo, in questo modo, un senso di equilibrio e ritrovare la voglia di vivere, di avere coraggio, di imporsi.

La natura è parte della nostra vita ogni giorno, anche se noi molte volte siamo così distratti da tutt’altro per accorgercene. Sarebbe bello se ci fermassimo un attimo davanti a un parco, una villa comunale o semplicemente il giardino più vicino e notassimo un bel cespuglio pieno di fiori o un albero in piena fioritura agli inizi della primavera. Ma sarebbe ancora più curativo per la nostra anima non solo fermarci ad osservare un fiore, quanto poterlo annusare. In quel momento dobbiamo analizzare all’interno del nostro cervello quell’odore e comprendere cosa ci fa venire in mente e quale stato d’animo ci regala.

Henry W. Beecher affermava  “I fiori hanno un’ influenza misteriosa e sottile sui sentimenti, analogamente a certe melodie musicali. Rilassano la tensione della mente. Dissolvono in un attimo la sua rigidità”. È vero, infatti, che i profumi dei fiori o gli aromi rimangono impressi nella memoria e possono evocare ricordi in modo molto intenso. Brutto o bello che sia, quel ricordo fa parte inevitabilmente della nostra vita e noi siamo davvero coraggiosi a ricordarlo nella nostra mente solo se successivamente siamo in grado di accettarlo; e la natura è proprio lì che ci accompagna per chiudere un secondo gli occhi e ripercorrere tutta la strada che quella fragranza ci pone dinanzi.

L’Aromaterapia si basa sul curare le persone attraverso i profumi incantevoli e seduttori, ristabilendo l’intero organismo e non solo alcune parti di esso, in quanto la stimolazione dell’olfatto da parte di queste essenze agisce in modo favorevole sulla salute. Ogni pianta ha uno scopo preciso a cui è destinata: ad esempio eucalipto e menta aiutano ad alleviare il mal di gola; la melissa è favorevole in caso di aumento della pressione sanguigna ed infine camomilla e lavanda, applicata a gocce sui polsi, aiuta a combattere gli attacchi di panico.

La natura, senza rendercene conto riesce ogni volta a esserci, anche se noi non facciamo lo stesso per lei. L’aromaterapia arriva come un nuovo metodo della natura per mettersi a nostra disposizione e per farci sentire ancora una volta nostra amica e sempre a casa. Quei profumi riescono ad aiutare il nostro animo in qualunque contesto esso si trovi. Ricerchiamo nella natura quell’amica che riesce a rallegrarci e aiutarci in ogni momento e noi in cambio proteggiamola da chiunque voglia privarci della sua bellezza.