È già passata qualche settimana dall’ingaggio di Peppe Ordine, ex ala forte del Basket Vieste, da parte della società della famiglia Zullo che non ha nascosto la soddisfazione per questo colpo. Con la ripresa degli allenamenti alle porte, il cestista di San Giorgio a Cremano si racconta senza nessun velo sui sogni e le ambizioni.

Partiamo proprio dall’ultima stagione. A Vieste hai realizzato 257 punti in 20 gare di C Gold. Che campionato è stato?

Sicuramente di grande soddisfazione per me. Una stagione giocata bene in un campionato davvero dura che tutti paragonano quasi ad una B. È un pianeta cestisti differente quello pugliese, con un livello tecnico altissimo e dove si lavora sulla tattica e sullo studio sfrenato dell’avversario in settimana. Fino all’arrivo dell’emergenza COVID stavamo disputando una stagione sicuramente al di sopra delle aspettative.

Cosa ti ha spinto, dunque, ad accettare la chiamata della Miwa?

Se a Settembre scorso mi avessero detto che sarei tornato in Campania non ci avrei creduto e neanche lo avrei preso in considerazione. Il campionato pugliese mi è piaciuto molto ed è stato estremamente stimolante. Poi, però, è arrivata la chiamata della Miwa e non si può rifiutare. È una società, con un gran progetto e che vuole vincere.

Prima di Vieste la tua carriera si è sviluppata in Campania. sei cresciuto con Le Vesuviane, poi Ercolano e tanto Cercola. Conosci dunque la realtà campana, cosa può fare questa Miwa?

Non ci guardiamo intorno e pensiamo solo a noi. Si  sta costruendo un grande roster che ci renderà meritevoli di rispetto da parte di tutti.

Relativamente alle tue caratteristiche e al tuo vissuto, per quanto giovane, cosa può dare Ordine ai cinghiali sanniti?

Innanzitutto la mia esperienza. La Puglia mi ha allargato le spalle e voglio mettere a disposizione della mia nuova squadra tutto questo. In più, faccio dell’allenamento e del lavoro quotidiano il mio credo e sono qualità che mi permettono di prendere e dare tanto ai miei compagni.

Conosci i ragazzi che ti accompagneranno in questa nuova avventura?

Ma certo. Mi vengono in mente i vari Orefice, Murolo e Iannicelli. Questi sono atleti affermati che non hanno bisogno di presentazioni.

Quali sono gli obiettivi stagionali della Miwa e quali i tuoi personali?

In realtà coincidono. Voglio allenarmi, migliorare ma soprattutto vincere!

Che campionato sarà il primo post- COVID?

Sicuramente di tante incertezze. Non conosciamo né date né squadre che parteciperanno al prossimo campionato ma mi sento molto sicuro in quanto noi abbiamo una società solida alle spalle che ci trasmette solo e soltanto sicurezze.

Chiudiamo con un po’ di orgoglio sannita. Sei mai stato a Benevento? La visiterai?

Sono contentissimo di venire a Benevento. Non la conosco bene ma so che si vive bene, è un posto tranquillo ed anche molto bello. Avrò il tempo per visitarla per bene, non vedo l’ora.