Il 2017 è stato l’anno del definitivo consolidamento per Consorzio MEDIL tra le prime realtà nel settore delle costruzioni in Italia. Gli ottimi risultati ottenuti negli ultimi mesi, sono stati condivisi dal presidente Flavian Basile nel corso del consueto appuntamento natalizio, durante l’evento dedicato ai soci aderenti al gruppo, a conclusione di un anno che si è contraddistinto per un percorso improntato sulla cooperazione tra eccellenze imprenditoriali oramai radicate in tutte le regioni della penisola.

Flavian Basile, ha voluto evidenziare che “La competizione alla partecipazione a gare di appalto pubbliche richiede oramai il continuo innalzamento del prodotto nei confronti delle committenze, infatti è oramai indispensabile elevare il grado di qualità progettuale, per la quale è indispensabile investire in risorse umane e tecnologiche. Da questa consapevolezza sono arrivati i risultati per oltre 100 milioni di euro di acquisizioni da realizzare nel prossimo triennio; in particolare il nuovo portfolio lavori prevederà importanti opere di costruzione per conto di committenti del Calibro di Anas, senza dimenticare l’importante aggiudicazione per i lavori di riqualificazione dell’intera area portuale della Città di Messina, che prenderà il via ad inizio anno. Nel 2017, inoltre, per la prima volta siamo stati impegnati in importanti procedure di gara estere come la partecipazione in Madagascar dove MEDIL è l’unica realtà europea ammessa alle fasi finali di gara, per la costruzione di una rilevante opera infrastrutturale”.

Insieme, attraverso la sinergia tra realtà imprenditoriali ben distribuite da nord a sud in Italia – prosegue il presidente – abbiamo voluto far emergere una leadership di speranza guardando verso orizzonti lontani e senza perdere il contatto con la realtà attuale. Il Sannio, che è il baricentro operativo del Consorzio MEDIL, diventa così pioniere di un nuovo percorso che mette al centro il territorio con le sue professionalità e le sue risorse. Infatti non possiamo negare come i risultati ottenuti sono stati possibili implementando il management e il settore sviluppo con professionisti Sanniti con un età media di circa 42 anni. Nella nostra visione moderna dell’imprenditoria abbiamo voluto porre al centro la passione per il nostro lavoro e l’ambizione nel raggiungere determinati obiettivi. Infatti il lavoro svolto nell’ultimo biennio, i risultati raggiunti e una costante crescita del trend associativo con 61 aziende consorziate ha portato l’organo amministrativo a un nuovo aumento di capitale sociale”.

È motivo di orgoglio – conclude Basile – essere diventati punto di riferimento riconosciuto su tutto il panorama nazionale. È infatti sempre più frequente la partecipazione di MEDIL a procedure di gara dove sono necessari il possesso di certificazioni esclusive e di importi illimitati. È dunque importante continuare in questa direzione con fattori di crescita costanti e che completino il consolidamento di tutto il gruppo sia nei riguardi dei mercati nazionali che esteri”.