La Questura di Benevento è impegnata in prima linea nell’azione di promozione della cultura della legalità e di sensibilizzazione delle giovani generazioni su temi come la sicurezza stradale, l’abuso di alcol e droghe, la violenza e la discriminazione di genere, il bullismo, la riduzione della distanza tra cittadini e Forze di Polizia.

Un focus voluto dal Questore, dott. Giuseppe Bellassai che questa mattina ha tenuto un incontro di presentazione, alla presenza dei “referenti della legalità” degli Istituti di ogni ordine e grado, dei progetti promossi dalla Polizia di Stato di Benevento.

Presenti all’incontro che si è tenuto presso la sala riunioni della Questura di Benevento anche il dott. Daniele Di Martino del Compartimento di Polizia Postale di Napoli; la dott.ssa Monica Matano, dirigente dell’Ufficio Scolastico provinciale di Benevento; la dott.ssa Caterina Martuccio, dirigente dell’area analitica dell’Arpac e la dott.ssa Antonella Rossella, delegata dell’Unicef di Benevento.

Il Questore Bellassai ha illustrato ai docenti e ai giornalisti presenti i tre progetti che saranno realizzati per l’Anno Scolastico 2017-18.

Il primo ad essere presentato è stato il progetto provinciale, senza concorso, dal titolo “Contro il bullismo… insieme. Bullo in rete” che si terrà a Benevento per il secondo anno consecutivo ed è caratterizzato da interventi didattici di carattere informativo / formativo affiancati da simulazioni, rappresentazioni teatrali, laboratori e dimostrazioni pratiche e teoriche di difesa, per continuare ad approfondire il discorso già avviato nel precedente anno scolastico. Si tratta di un progetto indirizzato a tutte le scuole di ogni ordine e grado con diverse modalità di approccio.

La seconda proposta progettuale di carattere provinciale, senza concorso, s’intitola “Conoscere per prevenire” sul tema della droga tra i giovani con la presenza anche di esperti dell’Azienda Sanitaria Locale e dei SERT. È rivolto alle scuole primarie e alle secondarie di primo e secondo grado.

Il terzo progetto è relativo al concorso nazionale indetto dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza dal titolo “PretenDiamo Legalità, a scuola con il Commissario Mascherpa”, finalizzato alla promozione della cultura della legalità. Il progetto, realizzato secondo il bando predisposto dal Ministero dell’Interno in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sensibilizzerà i ragazzi a una riflessione sulla necessità di recuperare ogni chiusura e isolamento per una rinnovata capacità di impegno civile e di rispetto delle leggi.

Il nostro obiettivo – ha evidenziato il Questore Bellassai – è quello di promuovere la legalità e sensibilizzare i ragazzi su vari temi, dando loro strumenti di conoscenza per riuscire, in primis, a difendersi da odiosi comportamenti altrui e dalle negative conseguenze dell’uso degli stupefacenti. La Polizia di Stato, da sempre impegnata nella prevenzione e nel contrasto dei reati, è sempre più fiduciosa che solo attraverso una diffusa sensibilizzazione dei giovani è possibile incidere  su temi come l’antiviolenza, il bullismo, l’uso di sostanze stupefacenti e altri fenomeni di cui oggi sente parlare. È necessario che i concetti di giustizia e legalità trovino sempre maggiori spazi di approfondimento e riflessione a partire dalle scuole. E il Sannio ha una sensibilità tutta speciale in tal senso”.

Bellassai ha poi aggiunto: “Per me la legalità significa rispettare gli altri. Ed è importante che quella connessione virtuale che attraverso i social unisce i cittadini in ogni parte del mondo si traduca anche in una connessione personale tra cittadini e Istituzioni che si parlino, dialoghino, si confrontino e agiscano in un clima di fiducia reciproca. La Polizia di Stato di Benevento vuole investire su un percorso di fiducia soprattutto con i giovani per dire loro che lo Stato c’è e che bisogna avere fiducia di chi ogni giorno è in campo per garantire condizioni di sicurezza e legalità”.