Grande attesa per l’appuntamento di stasera 2 agosto il BTC Festival 2020  rende omaggio a Carlo Verdone. Il regista e attore romano riceverà il Premio alla Carriera alle ore 21.30 sul palco allestito in Piazza Cardinal Pacca in una serata che ha già fatto registrare il sold out.

Dopo l’evento di “Alberto Sordi 100 anni da re” che ha visto protagonista il 31 luglio sul Palco del BCT l’attore Claudio Santamaria, il festival procede verso la conclusione. Nonostante il grande caldo e le misure di contenimento  Covid, la piazza dedicata agli eventi è quasi sempre piena. Per il tributo al mito Sordi, organizzato in collaborazione con l’Università del Sannio, si poteva fare sicuramente meglio! Santamaria fin dalle prime battute, purtroppo, ha dovuto fare i conti con problemi tecnici, ma è riuscito a tenere il palco con professionalità e simpatia. Tante le scuse a fine serata da parte di Massimo Cinque, regista della piéce teatrale, e Antonio Frascadore, direttore artistico del BCT per la mancanza di audio dei tributi video e per le numerose défaillance. Nella città dei “sette teatri” è un grande dispiacere vivere un evento  così importante e vederlo stentato, quasi abbozzato. Tante le mancanze nel testo che, pur cercando di toccare le tante esperienze professionali del grande Sordi, ha forse dimenticato di parlare di tanti film (come Il medico della mutua 1968 – Un borghese piccolo piccolo 1977 ….), lasciando un po’ di amarezza nel pubblico che ha tanto apprezzato l’aplomb del protagonista e il suo fascino indiscusso, salvezza della mite serata.  All is well what ends well! Lo spettacolo va avanti con la certezza che il festival vivrà momenti indimenticabili per un radioso futuro.

Intanto, tutto è già pronto per la consegna del riconoscimento a Carlo Verdone che, come precisa il comunicato stampa, sarà seguita dalla proiezione di “Bianco Rosso e Verdone”, da lui stesso scelto per rendere un suo personale ringraziamento ad Ennio Morricone, il grande compositore recentemente scomparso e autore della colonna sonora del film.
A precedere la visione della sua commedia cult sarà l’incontro con il pubblico del capoluogo sannita, momento in cui Carlo Verdone si racconterà ripercorrendo una carriera fantastica, che nell’arco di quasi 45 anni,  ha segnato il nostro cinema e la cultura del nostro Paese. “Carlo Verdone – sottolinea il direttore artistico Antonio Frascadore – ci ha fatto un regalo enorme. Sono personalmente innamorato, sotto il profilo professionale, di ogni suo film, delle sue maschere, del suo inimitabile e meraviglioso modo di raccontare il nostro tempo. E lo ha fatto diventando uno degli attori e dei registi simbolo del cinema italiano. Siamo non solo felici ma orgogliosi di chiudere questa edizione del Festival con la sua indimenticabile presenza”.