(Luciaelisa Luongo) – Vivere un viaggio d’istruzione è sempre motivo di grande gioia e allegria che si tratti di bambini, giovani o soprattutto ragazzi non diversi ma speciali, i quali vivono, disgraziatamente, imprigionati su sedie a rotelle o a dover essere affiancati sempre da altri che li possano aiutare o screditare.
È orrendo definire questi momenti come “gita” o perditempo, come se significasse saltare un giorno o più di scuola. Invece per un fanciullo indica, bensì, un momento di crescita personale e culturale visitando musei o monumenti di grandi artisti e periodi storici, che in qualche modo hanno influenzato quello che si è oggi. Ciò acquisisce ancor più significato se ci si sposta verso l’estero, specialmente se si tratta della meravigliosa Grecia.
Situata nell’Europa sudorientale, è una delle maggiori mete prese d’assalto dai turisti, soprattutto italiani. Un luogo molto ospitale e piacevole, che riesce ad accontentare le richieste di ogni turista, portandolo a sentirsi come a casa propria… Nelle strade greche si respira tutta la ricca storia e le tradizioni millenaria e si vivono appieno i loro costumi, respirando le molteplici fragranze che sanno di Mediterraneo.
La capitale è Atene, della quale resta ovviamente impressa la maestosa acropoli, con l’attraente museo e il leggendario Partenone, che riescono a dare l’immagine esatta dell’antica Ellade. Assolutamente da visitare il Museo Nazionale ricco di meravigliose opere della Grecia antica.

Nella città moderna, non meno importante è la Plaka, luogo principalmente amato da persone di ogni età per la presenza di varie stradine che conducono a ogni tipo di negozio o luogo d’incontro e svago. Stesso discorso per piazza Syntagma, la quale conduce all’edificio parlamento greco: da vedere  lo spettacolare cambio della guardia.
Ma in Grecia non meno importanti sono anche città come Meteora, la quale accoglie imponenti monasteri o ancora più antica la città di Delfi, con il suo museo, che presenta diversi templi del periodo a.C. come il Tempio di Apollo o Atena Pronaia e il tesoro degli Ateniesi. Per i ragazzi amanti del teatro, è stato emozionante visitare e provare a recitare presso il Teatro di Epidauro, costruito nel 360 a. C.,  esempio classico di teatro greco, luogo nel quale la cultura è sempre più aperta e diffusa. Ed infine i resti della città di Micene, del periodo dell’Età del bronzo: straordinaria la “porta delle leonesse” che dava accesso alla città e che conduce fino alla tomba di Agamennone.

La Grecia è straordinaria, assolutamente da visitare, perché è un luogo legato alle sue antiche tradizioni e alla cultura millenaria in una maniera incredibile. Un Paese pieno di colori: l’azzurro limpido del mare, che si unisce armoniosamente a quello del cielo sereno. Il verde degli alberi che dalle montagne scende fino al mare e alle sue belle spiagge. E, da sottolineare, i greci sono un popolo assai gentile e ricco di premure per gli ospiti…

Un paese, da visitare, per respirare la storia, la cultura e, perché no, per perdersi nella sua natura mozzafiato.