È questo il  messaggio che il  dott. Palmieri Vincenzo, presidente della fondazione ” Amici di ISAL” sezione territoriale di Benevento, si impegnerà a diffondere nel corso del nuovo anno. Infatti, sono previsti degli incontri, a cadenza trimestrale, direttamente con i pazienti che afferiscono al centro di terapia del dolore, per una condivisione di gestione della loro patologia. Inoltre in ambito medico, sono previsti 2 corsi di formazione dedicati agli accessi vascolari per chemioterapia, 2 corsi dedicati al dolore osteoarticolare e un congresso, ormai a cadenza annuale, relativo alle novità farmacologiche in tema di terapia antalgica. “Tale problematica è molto frequente“, sostiene Palmieri; “si stima che in Italia siano ben 9 milioni le persone affette da patologie osteo-articolari e/o muscolari di tipo cronico-evolutivo e ogni giorno circa 1000 persone ricevono una nuova diagnosi  di patologia oncologica. La fondazione Isal si impegna dunque, a sensibilizzare e informare la popolazione sulle possibilità della terapia antalgica, quest’ultima ancora poco conosciuta come disciplina medica. L’obiettivo è quello di potenziare la solidarietà di tutti per sviluppare una coscienza scientifica e sociale che metta in contatto costante medici e pazienti affetti sia da dolore neoplastico, sia da dolore cronico non oncologico”.

Che cos’è ISAL?

Fondata nel 1993 a Rimini dal Prof.Williams Raffaeli, la fondazione Isal (Istituto di ricerca e formazione in scienze algologiche) opera su tutto il territorio nazionale ed è la prima in Italia per capillarità. Promuove la conoscenza, la ricerca e la formazione medica nell’ambito della terapia del dolore.