BENEVENTO CALCIO: Gori; Pezzi, Lucioni, Mattera; Melara (Padella), Del Pinto, De Falco, Mazzarani; Ciciretti, Marotta (Cissé), Mazzeo (Cruciani). A disp.: Piscitelli, Bonifazi, Petrone, Troiani, Di Molfetta, Mucciante. All.: Gaetano AUTERI

AKRAGAS: Maurantonio; Muscat, Marino, Capuano; Aloi (Grea), Zibert, Mauri, Vicente (Candiano), Salandria; Di Piazza, Leonetti (Cristaldi). A disp.: Vono, Cazè da Silva, Greco, Fiore, Roghi. All.: Nicola LEGROTTAGLIE

Arbitro: Marco Piccinini di Forlì Assistenti: Alfonso Annunziata di Torre Annunziata e Genny Sbrescia di Castellammare di Stabia

Reti: De Falco (BN) al 43° p.t.

Ammoniti: Del Pinto (BN); Aloi, Zibert, Vicente (AK)

Note: Pomeriggio tiepido, terreno di gioco in ottime condizioni. Pochissimi gli spettatori sugli spalti con una sparuta rappresentanza agrigentina in curva nord.

Servizio – Il Benevento Calcio inizia bene il 2016 calcistico e con la vittoria sull’Akragas riprende la corsa verso le zone alte della classifica. Dopo l’immeritata sconfitta di Lecce, i giallorossi ci tenevano a conquistare i 3 punti in una gara per nulla facile considerata la posizione in classifica degli agrigentini scesi in campo con il chiaro intento di strappare almeno un punto dal Ciro Vigorito.

Nella prima frazione, la squadra biancoazzurra è stata spesso in dieci dietro la linea della palla, con il solo Di Piazza a fare da guastatore. Il Benevento non sempre lucidissimo e leggermente appannato, forse dalla lunga sosta natalizia, non è riuscito sempre a velocizzare la manovra e spesso si è andato ad infrangere sulla linea Maginot innalzata dagli uomini di Legrottaglie. Comunque i giallorossi sono stati sempre padroni del campo, con un solo rischio reale corso con la mancata applicazione dell’offside da parte dei difensori, che ha consentito al numero 11 ospite Leonetti di impensierire Ghigo Gori. Poi la rete magistrale di Andrea De Falco al 43° minuto, che ha premiato gli sforzi dei padroni di casa e ha consentito alla squadra di chiudere il primo tempo in tranquillità.

Secondo tempo con l’Akragas disordinatamente in attacco alla disperata ricerca del goal, con il solito Di Piazza a mettere in difficoltà l’intera linea difensiva giallorossa. Tanto pressing e qualche azione di rilievo per gli ospiti, ma nessun pericolo reale per Gori. Alla fine contava solo vincere per il Benevento ed i tre punti sono arrivati.

Una partita non bella sotto il profilo tecnico, che ha visto prevalere la maggiore qualità dei padroni di casa. L’Akragas è venuta fuori solo nella ripresa, quando fisiologicamente la squadra di Auteri ha abbassato il baricentro per contenere gli attacchi avversari e provare a far male in contropiede. Un Benevento che ha bisogno assoluto di rinforzi se vuole davvero ambire ad una posizione di classifica importante.