Sarà il Maestro Ezio Bosso a chiudere la terza edizione del BCT Festival Nazionale Benevento Cinema e Televisione, diretta da Antonio Frascadore.

Il 19 luglio, alle 21,30, nello splendido scenario del Teatro Romano, Bosso dirigerà l’Orchestra Filarmonica di Benevento che, per il terzo anno consecutivo, continua la sua collaborazione con il Festival.

Dopo Nicola Piovani, il Bct e l’OFB, proseguono ancora una volta insieme, al fine di proporre eventi culturali di elevato valore e prestigio, affidando la serata di chiusura della Kermesse ad uno dei musicisti più prestigiosi al mondo. Le sue tournée sono state considerate tra le più importanti della musica italiana. Il programma prevede: sinfonia n. 2 Sotto le voci degli alberi (E. Bosso); Sinfonia n. 5 in do minore op. 67 (L.V. Beethoven); Bolero (M. Ravel. Introduzione al concerto a cura della giornalista Melania Petriello.

L’evento è promosso dal Polo Museale della Campania. I biglietti, al costo di € 25, sono disponibili presso i seguenti punti vendita: Uffici Festival BCT: Viale Mellusi 3 (BN), aperti dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17; Café Le Trou: Corso Garibaldi 30, aperto dal lunedì alla domenica, dalle 7 alle 22.30; Vendita online http://www.ofbn.it/wordpress/stagione-2019/acquista-venerdi-19-luglio-2019/ .

Intanto l’organizzazione rende pubblici (pagina facebook) i vincitori dei concorsi relativi alle opere presentate all’interno del Festival Nazionale del Cinema e della Televisione – Città di Benevento. Per il concorso “Io esisto”, destinato alla sezione cortometraggio realizzato dagli istituti primari e secondari di tutta Italia, seguendo il tema di questa edizione “Generazione Z” vince: “Ma chi ti conosce?“ di Vito Marinelli con i suoi alunni dell’ I.T. “Caporizzi – Lucarelli” di Acquaviva delle Fonti (BA).
Per il concorso “Short Movie”, destinato alla realizzazione di un cortometraggio vince: “Il nome che mi hai sempre dato” di Giuseppe Alessio Nuzzo.
Per il concorso “Greatest Indipendent Film” , destinato alla realizzazione di lungometraggi di produzione indipendente vince: “Donne che viaggiano da sole” di Giulio Pereno.
Per il concorso “Sentieri”, destinato alla realizzazione di lungometraggi riconosciuti di interesse culturale dal Mibac, vince: “La Banda Grossi” di Claudio Ripalti.
Per il concorso “Fantasmagorie”, destinato alla realizzazione di cortometraggi d’animazione, in collaborazione con la Ambrosini Media Group, vincono: Premio Emile Cohl per il Miglior Cortometraggio d’Animazione: “Framed” di Marco Jemolo; Premio per la Miglior Regia: “Framed” di Marco Jemolo; Premio per la Miglior Sceneggiatura: “Mani Rosse”, di Francesco Filippi.