La storica kermesse meranese ha registrato 11.500 presenze nel corso delle cinque giornate di svolgimento. A Casa Sannio, lo spazio dedicato alle eccellenze del settore wine&food sannita, sono stati serviti 4.500 calici di vino e 2.000 piatti tipici realizzati da Daniele Luongo, cuoco alla Locanda della Luna di San Giorgio del Sannio.

La grande affluenza di pubblico specializzato conferma l’azione promozionale del brand Sannio su un target posizionato nello spazio alto del mercato.

Casa Sannio, area realizzata con il contributo prevalente della Camera di Commercio, ha beneficiato del successo della 28^ edizione di Merano WineFestival, un appuntamento di eccellenza nel panorama italiano e internazionale, che quest’anno ha registrato il suo record di presenze sia di pubblico che di aziende.

I numeri dimostrano che investire sulla rassegna di Merano – dichiara Antonio Campese, Presidente della Camera di Commercio di Benevento – è una opzione chiave per accrescere il brand equity del marchio Sannio a beneficio, in termini di valore aggiunto, di tutte le aziende del territorio. Va riconosciuto che il food&wine è uno dei settori decisivi per lo sviluppo locale, sia per naturale vocazione del nostro territorio sia per i trend di mercato”.

Eventi clou e riflettori puntati sul Sannio per la Falanghina vestita dell’arte di Mimmo Paladino, l’olio di ortice prodotto dall’azienda Torre a Oriente e per Gino Sorbillo con la sua Pizza&Falanghina.
Una conferma che le partenership sono decisivo fattore di attrazione e successo.

La coesione della Camera di Commercio con attori territoriali come il Consorzio Sannio Tutela Vini e l’Associazione Italiana Sommelier ha prodotto un potenziamento delle attività e dei risultati, suscettibile di ulteriori progressi e acquisibile come modello operativo per le iniziative in altri settori.