(Serenella Rullo) – Contraddizioni. Ce ne sono molte nel comportamento delle persone, alcune evidenti altre meno.

Per esempio, c’è  chi parla e non ritiene di dover ascoltare; chi scrive libri e non ne legge uno(!); chi guarda ma “non vede”.

Dipende, forse, dalla fretta o dall’indifferenza; peggio, da incapacità di porsi con l’altro in atteggiamento comunicativo.

Chi prende senza dare; chi promette e non mantiene; chi ascolta ma non sente; chi conosce ma non dice: si chiude la porta a persone che, magari, hanno bisogno di sentirsi in qualche modo considerate, comprese, forse  difese.

A volte, è  un atteggiamento voluto: si garantisce un interesse inesistente, si lascia sperare a vuoto qualcuno che poi aspetta invano. Questo è  tipico di individui poco corretti, impegnati a coltivare solo i propri progetti anche a scapito della gente “comune”: in quale campo delle attività  umane li ritroviamo?…
Tante sono le contraddizioni che scandiscono la vita: chi vanta meriti e non apprezza quelli degli altri; chi pretende e non da’; chi sa ma non denuncia… Chi…? Chi…?
Sembra una filastrocca per bambini curiosi, ignari del mondo che li circonda,  fiduciosi ancora. “Giro giro tondo”