Con l’approvazione della progettazione esecutiva dell’intervento “Benevento Digitale”, avvenuta in Giunta nei giorni scorsi, il Comune di Benevento punta all’erogazione di servizi integrati di E-Government alla comunità con il chiaro intento di favorire l’ottimizzazione del lavoro e il miglioramento dei livelli di servizio, oltre che a dare maggiore impulso all’interazioni con gli utenti e le imprese operanti sul territorio”.

A dichiararlo è l’assessora all’Innovazione Tecnologica, Maria Carmela Mignone, che aggiunge:

In pratica vogliamo migliorare il livello di interscambiabilità delle informazioni tra le pubbliche amministrazioni in modo da favorire la standardizzazione delle informazioni gestite e permettere l’estensione delle funzioni di consultazione del patrimonio storico, culturale e territoriale. In questo modo metteremo a disposizione dei dipendenti dell’Ente strumenti informatici che consentano di affrontare in modo completo, razionale ed efficace le mansioni svolte quotidianamente, oltre che di mettere a disposizione dell’Ente un sistema informativo che permetterà a tutti i soggetti decisionali di disporre delle informazioni loro necessarie per poter operare efficacemente. Inoltre, forniremo anche agli altri Enti e ai cittadini gli strumenti indispensabili per scambiare informazioni e dati in assoluta sicurezza”.

La piattaforma tecnologica integrata che verrà realizzata attraverso l’intervento “Benevento Digitale” utilizzerà un’infrastruttura in fibra ottica che collegherà le varie sedi comunali e sarà supportata da un rinnovato centro di elaborazione dati e fonia. Verrà, inoltre, realizzato un Portale del Cittadini che costituirà il Front Office dell’Ente, ovvero lo spazio virtuale dedicato ai cittadini, attraverso il quale si potranno avviare pratiche, inviare istanze, ricevere, fornire o inoltrare documenti. L’intervento prevede anche l’aggiornamento del sistema di videosorveglianza in modo da migliorare la sicurezza urbana e la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, oltre l’aggiornamento del sistema di monitoraggio ambientale (attraverso l’utilizzo di sensori di ultima generazione per la valutazione dei principali parametri inquinanti) e la realizzazione di un sistema WiFi che garantirà l’accesso alla Rete da parte dei cittadini.

Nel frattempo procede a grandi passi anche l’implementazione della banda ultralarga sull’intero territorio comunale.

Com’è noto, abbiamo sottoscritto una convenzione con la società Open Fiber – conclude l’assessora Mignone – per portare la fibra ottica fino alle unità immobiliari, abilitando al contempo una rete Ultra Broadband (UBB) a disposizione degli operatori TLC. La rete è già disponibile in ampie aree del centro storico e dei quartieri Ferrovia, Libertà e Mellusi-Atlantici. Inoltre, abbiamo provveduto a sottoscrivere un’ulteriore convenzione anche con Infratel Italia S.p.A., società in house del Ministero della Sviluppo Economico, per la realizzazione di un’infrastruttura per telecomunicazioni in banda ultra larga che raggiungerà anche le cosiddette aree bianche della città, cioè le aree dove le infrastrutture di rete veloce sono considerate prive di interesse dalle società private per l’alto costo dell’operazione rispetto al ricavo. Un intervento finanziato con i fondi FESR e FEASR della programmazione europea 2014/2020, che sarà anch’esso realizzato da Openfiber e i cui lavori inizieranno in contrada Olivola”.