Con dieci giorni di ritardo sul programma federale, a causa della alluvione che ha flagellato il Sannio intero, e su un campo provato solo 48 ore prima, le giallorosse di Vittorio Ruscello hanno conquistato la vittoria dividendo, però il punteggio con le ospiti Chietine. 3 a 2 finale e parziali di 25-22, 25-20, 21-25, 20-25 e 15-10 in 120 minuti di gioco.

Squadre al gran completo, con la COIM Accademia che schiera il suo capitano Principe dal primo minuto, recuperata ed a referto anche Ulaj, sempre assente nelle amichevoli precampionato. Tra i nuovi arrivi fa il suo esordio assoluto in B2 Erra, nel sestetto iniziale insieme a Postiglione, altro volto nuovo, Ferrone, Varricchio e De Cristofaro, con Pisano nel ruolo di libero. Concentratissima la COIM in avvio, la lunga attesa di queste settimane si trasforma al fischio di inizio in una furia. Le ospiti rimangono stordite di fronte ad un impeto così incalzante. 12-3 in un batter di ciglio e Accademia letteralmente scatenata. Il mister teatino D’Arielli le prova tutte, ma sostituzioni e time out tuttavia non servono ad arginare la forza della COIM che domina il set fino al 23-16. Un improvviso calo di concentrazione e le ospiti si avvicinano fino al 22-23, ma ci pensano Ferrone e Principe, due tra le atlete più rappresentative di sempre nella storia dell’Accademia, a chiudere il set 25-22. Il ritorno in campo conferma i segnali del primo parziale, le ospiti adesso non sbandano più come nelle fasi iniziali ed il match si fa equilibrato. Il punteggio recita infatti 8-6 Chieti al primo tempo tecnico, chi pensava ad una gara in discesa per le giallorosse dopo il primo set deve inizia a ricredersi, ma sbaglia! La COIM trova nel momento di maggiore difficoltà un ruggito graffiante, le giallorosse piano piano tornano a macinare gioco fino alla giocata spettacolare del libero Pisano che con un recupero in spaccata tiene in gioco una palla clamorosa e nella stessa azione un muro di Principe fa esplodere il pubblico. E’ 16-11 Accademia. Chieti accusa il colpo dopo aver accarezzato l’idea di essere rientrato in partita e non recupera più, giallorosse in totale controllo fino al 25-18 che manda la COIM sul 2-0. Chieti però non vuol andar via senza averci provato fino all’ultimo ed inizia il terzo set giocandosi il tutto per tutto e complice anche una COIM a corto di fiato e meno incisiva in attacco avanza 11-6. Le giallorosse provano a rientrare ma stavolta le ospiti tengono a bada le avversarie con un gioco più attento e continuo e soprattutto raddrizzando il fondamentale del muro che inizia a rendere più agevole la ricostruzione del contrattacco. Il vantaggio diventa massimo sul 16-10 ed è sufficiente al Chieti ad amministrare il parziale che nonostante le fiammate giallorosse e l’avvicendamento De Cristofaro – Lanza si chiude 25-21 per le ospiti. E’ il momento chiave del match. Le due squadra adesso se le danno di santa ragione, una murata di Postiglione permette alla COIM di andare al primo time out tecnico avanti 8-7, ma il set è ancora tutto da giocare. Il punteggio non si schioda dalla parità fino al 12-12, gli attacchi delle due squadre iniziano a fare fatica a vicenda e gli scambi diventano una lotta allo sfinimento, ma il Chieti mostra una migliore tenuta ed alla lunga finisce per avere la meglio. La COIM si scompone, si smarrisce, non riesce più ad esprimersi. Le ospiti invece crescono in fiducia ed in rendimento, e questo basta per fare la differenza. 25-20 Chieti, meritato, e si va al tie break. La partenza della COIM sembra essere quella buona, 4-1 e +3 per le giallorosse che però si fanno riprendere subito dalle ospiti che appaiono più fresche. Stavolta le padrone di casa però hanno il merito di compattarsi e profondere l’ultimo sforzo, quello decisivo, attingendo fino all’ultima goccia di energia disponibile. Chieti che pensava di aver ormai imboccato il rettilineo del traguardo vede invece di colpo la strada più in salita ma non molla. Riprende due volte la COIM, prima dal 5-8 e poi dall’8-11, arrivando fino al contrattacco del pareggio ma la rincorsa si ferma. L’innesto di Dell’Ermo nelle battute finali risulta vincente e l’Accademia può brindare al primo successo stagionale con il mani e fuori di Ferrone che chiude set e partita sul 15-10.

Con dieci giorni di ritardo sulla tabella di marcia, le giallorosse esordiscono quindi in campionato prendendo subito confidenza con la vittoria, potendosi quindi presentare al nuovo immediato impegno di campionato sabato pomeriggio contro la INGEST Montescaglioso con maggiore tranquillità, sempre a Benevento alle ore 20.00. Ottimo l’esordio tra le giallorosse di Postiglione che si regala ben 16 punti per festeggiare il suo 18simo compleanno (auguri!) e positiva anche Erra che alla sua prima apparizione in B2 mette a referto 12 punti. Esordio in B2 anche per Senape, mentre Ulaj e Lanza firmano la prima presenza in assoluto tra le fila giallorosse.