Nell’ambito dell’attività di controllo del territorio e contrasto al diffuso fenomeno riguardante l’abbandono di rifiuti in aree rurali e/o montane, i Militari della Stazione Carabinieri Forestale di Montesarchio hanno concluso una prima fase dell’operazione di controllo con l’utilizzo di apparecchiature di videosorveglianza opportunamente occultate in prossimità di alcuni siti ricadenti nei comuni di Montesarchio, Bonea, Ceppaloni e Pannarano nei quali è stata individuata una forte recrudescenza del fenomeno.

Dalla predetta attività è emerso che gli illeciti riscontrati sono riconducibili a condotte messe in atto da privati cittadini, che portandosi in luoghi isolati abbandonano rifiuti urbani indifferenziati. L’azione messa in atto dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Montesarchio ha consentito nell’arco temporale di dodici mesi, di contestare un totale di 33 sanzioni amministrative in tema di rifiuti non pericolosi, per un importo di € 16.300,00, oltre all’onere per i trasgressori di ripristinare lo stato dei luoghi.

Le condotte illecite sono state immortalate in maniera inequivocabile tanto da ridurre al minimo il contenzioso amministrativo. Infatti, solo in pochi casi è stato necessario ricorrere all’adozione di apposite ordinanze comunali per il ripristino dello status quo ante.