Benevento Calcio 5-Trapani 0, i giallorossi straripanti vincono ancora e continuano la fuga in testa


Passivo severo ma giusto: troppo netta la differenza tra Benevento e Trapani, impossibile pensare ad un risultato differente dalla vittoria, anche larga, per i padroni di casa. Ci sono voluti soltanto dieci minuti ai giallorossi per indirizzare la gara verso quella che (salvo imprevisti….) sarebbe poi stata la storia finale.
Il 50 finale è di certo mortificante per la squadra di Baldini e per i suoi stoici tifosi, comunque presenti al Ciro Vigorito. Ma questo Benevento è stato davvero più forte e ha di certo giocato a ritmi non elevati, non per snobbare l’avversario, ma di certo perché consapevole della propria forza. Trapani che è sceso in campo nel Sannio senza paura, rinfrancato dalla vittoria nel turno precedente ma che ha dovuto fare i conti con un’avversaria che, almeno per il momento, ha mostrato di essere di altra categoria sotto l’aspetto tecnico, tattico e soprattutto nella qualità dei singoli.
Prima frazione e dopo poche battute, uno strappo vertiginoso di Sau ha messo in condizione Coda di battere Carnesecchi con uno stacco di testa fin troppo facile: 1 a 0 e gara già più facile per i padroni di casa. Ma i siciliani non si sono certo disuniti. provando ad attaccare con l’ex Evacuo e i suoi funamboli, senza però mai troppo impensierire Montipò. Benevento sempre in agguato e in pressione offensiva, e così è arrivato il calcio di rigore a favore, assegnato per fallo netto in area ai danni di Maggio: sul dischetto Nicolas Viola per il 2 a 0, al 32°.
Nella seconda frazione, timido sussulto del Trapani, che ha avuto una ghiottissima occasione in apertura  con un bel gioco in area di Pettinari, ma l’attaccante amaranto ha sbagliato il tiro sotto misura, consentendo al pipelet Montipò di parare a terra. Uno spavento salutare per i giallorossi, che ha fatto però molto arrabbiare mister Inzaghi.
Azione che però ha risvegliato Maggio e compagni, che hanno iniziato a macinare gioco pur senza affannarsi, e così al termine dell’ennesima azione in area trapanese, è arrivato il tris realizzato da Sau che è stato lesto a ribattere a rete un tiro di Coda ben smarcatosi nei sedici metri. 3 a 0 al 79° minuto. Il Trapani è andato spegnendosi lentamente ma il Benevento non ha smesso di giocare: calcio di punizione a centrocampo per i giallorossi, immediato il tiro del numero 10 di casa, Viola, e palla nel sacco dell’incredulo Carnesecchi, sorpreso fuori dai pali, per il 4 a 0. Quasi allo scadere il 5 a 0 finale, con un goal da cineteca: azione in velocità, tacco di Insigne a smarcare ancora Viola che, di prima intenzione, ha lasciato partire un missile terra-aria che non ha dato scampo al portiere siciliano insaccandosi nel sette.
Troppo Benevento, davvero, e poco Trapani. I giallorossi continuano meritatamente nella loro fuga solitaria in testa alla classifica. I siciliani sono stati ridimensionati, dopo i segnali di ripresa delle scorse giornate. Non era certo a Benevento che Baldini poteva pensare di fare punti, in questo momento “storico” del campionato, ma per la salvezza occorrono prestazioni differenti.
Partita forse non bellissima, il ritmo gara sicuramente molto basso rispetto agli standard abituali degli stregoni di Inzaghi. Un modo forse di risparmiare un po’, considerando anche lo schieramento iniziale scelto dal tecnico piacentino, che probabilmente prova a preservare le energie per gare dal grado di pericolosità più elevato, senza nulla voler togliere al Trapani.
Buonissima prestazione della squadra, da sottolineare le prestazioni straordinarie di Schiattarella e Sau. Una citazione particolare per Viola, un lusso per la categoria oltre le tre reti segnate. E poi Maggio, il valore aggiunto ad una squadra che, almeno per il momento, non sembra avere punti deboli.
Il tabellino:

BENEVENTO CALCIO (4-3-2-1): Montipò; Letizia, Caldirola, Antei, Maggio; Viola Schiattarella, Hetemaj (Improta); Sau (Insigne), Kragl (Tello); Coda.  A disp.: Manfredini, Gori, Del Pinto, Tuia, Gyamfi, Di Serio, Solimeno, Vokic, Armenteros. All.: Filippo Inzaghi

Trapani (4-3-3): Carnesecchi; Grillo, Scognamillo, Fornasier, Del Prete (Candela); Moscati, Taugourdeau, Corapi (Tulli); Pettinari, Evacuo, Ferretti (Colpani). A disp.: Dini, Stancampiano, Pagliarulo, Aloi, Minelli, Luperini, Cauz, Scaglia, Canino. All.: Francesco Baldini
Arbitro: sig. Daniele Minelli di Varese.
Assistenti: sigg. Fabrizio Lombardo di Cinisello Balsamo e Gianluca Sechi di Sassari.
IV° Ufficiale: sig. Fabio Natilla di Molfetta.
Marcatori: Coda al 10°; Viola al 32°; Sau al 79°; Viola al 82° e all’88° (BN)
Ammoniti: Hetemaj (BN); Ferretti e Scognamillo (Tp).
Note: Serata fredda e umida. Terreno di gioco in buone condizioni ma scivoloso. Spettatori 9.500, di cui 1.350 paganti e 7.805 abbonati, ancora con qualche assente di troppo tra i possessori delle tessere. Circa 15 i tifosi siciliani presenti.

Articolo successivo Operazione a largo raggio dei Carabinieri della Compagna di Montesarchio

Articolo precedente APICE, CONTROLLO DEI CARABINIERI FORESTALI A FRANTOIO OLEARIO

Redazione

Autore: Redazione

Notizie correlate

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

digital agencyneikos