Secondo vittoria consecutiva per i giallorossi di mister Bucchi. Contro una Cremonese molto ben organizzata e con qualche individualità di spicco, Viola e compagni hanno sciorinato una buona prestazione complessiva anche se, la seconda frazione, la squadra ha abbassato un po’ troppo il baricentro concedendo spazio e giocate agli avversari, imbattuti fino alla gara di oggi.
Il Benevento bello a metà quindi, con un primo tempo di qualità e gioco ordinato e una seconda frazione condita con qualche errore di troppo, soprattutto con il pallone in uscita. Bravi i giallorossi nella circolazione palla, con meccanismi che stavolta hanno funzionato al meglio. La retroguardia, con Volta e Billong, ha lavorato molto bene concedendo poco o nulla agli avversari e stavolta il centrocampo, con i riconfermati Viola, Tello e Bandinelli, ha girato meglio, considerando anche la marcatura ad uomo applicata sul capitano di Bucchi. In avanti Coda, che da solo ha saputo tenere in ambasce la retroguardia grigiorossa che fin ora aveva preso soltanto 4 reti, è stato supportato bene da Insigne e Buonaiuto, anche se qualcosa in più l’ha fatta lo scugnizzo fratello d’arte.
Le due reti giallorosse (Coda al sedicesimo e Insigne al trentaseiesimo) sono nate da errori degli avversari e hanno premiato la squadra che stava facendo meglio, almeno nei primi quarantacinque minuti.
Dopo un primo tempo a favore degli Stregoni, la seconda frazione è andata, almeno ai punti, alla Cremonese che è partita, come era preventivabile, protesa in attacco e che ha subito accorciato le distanze, al cinquantatreesimo (Migliore), anche se l’azione è nata dalla mancata concessione di un calcio di punizione a centrocampo ai danni di un calciatore sannita. Il Benevento troppo “basso” ha concesso troppo spazio agli avanti lombardi, anche se di rischi reali per la porta di Puggioni non ne sono arrivati. Sempre Coda, nella seconda frazione, ha centrato il palo su un calcio di punizione: la rete, probabilmente, avrebbe chiuso la gara.
Vittoria comunque meritata, per i giallorossi. La squadra, pur con qualche timore di troppo, ha condotto la vittoria in porto, rilanciandosi e ritrovando fiducia e l’entusiasmo dei tifosi.
I migliori: Coda, Billong e Insigne.
Il tabellino:

BENEVENTO CALCIO (4-3-3):  Puggioni; Gyamfi, Volta, Billong, Letizia (Di Chiara); Tello, Viola, Bandinelli; Insigne (Ricci), Coda, Buonaiuto (Improta). A disp.: Montipò, Gori, Sparandeo, Antei, Costa, Goddard, Nocerino, Volpicelli, Asencio. All.: Cristian Bucchi

Cremonese (4-3-3): Radunovic; Migliore, Claiton, Kresic, Mogos; Croce (Greco), Castagnetti (Bultam), Arini; Castrovilli, Brighenti, Carretta (Strefezza). A disp.: Ravaglia, Volpe, Marconi, Del Fabro, Spaviero, Renzetti. All.: Andrea Mandorlini
Arbitro: sig. Aleandro Di Paolo di Avezzano.
Assistenti: sigg. Vincenzo Soricaro di Barletta e Giuseppe Macaddino di Pesaro.
IV° Ufficiale: sig. Luca Massimi di Termoli.
Marcatori: Coda al 16° e Insigne al 37° (BN); Migliore al 53° (Cr).
Ammoniti:  Billong, Tello, Volta e Bandinelli (BN); Arini, Carretta, Greco e Strefezza (Cr).
Note: Pomeriggio tiepido e ventoso, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori poco più di 10.000, con 1.573 paganti e  8.435 abbonati. Circa 100 i tifosi ospiti presenti.