Le vicende dell’AMTS sono pane quotidiano per la stampa. Schiacciata da un debito enorme, l’Azienda Mobilità Trasporti Sannio non vice certo un periodo facile e ce ne duole soprattutto per tutti i lavoratori. E’ chiaro che il destino dei trasporti in città sono legati anche e soprattutto al servizio che essa offre. In una città tanto estesa, nonostante il numero esiguo di abitanti, dovrebbe rappresentare l’alternativa all’auto privata, considerate il traffico caotico mattutino soprattutto nel centro città.

In mattinata abbiamo ricevuto la mail di una cittadina residente nel popoloso Rione Libertà. Nella stessa, la nostra lettrice ci ha spiegato che spiegato che l’autobus numero 3, quello partito alle ore 7,25 circa da Via Piccinato e diretto alla Via Viviani, solitamente pieno di studenti e pendolari che devono raggiungere la zona alta di Benevento (Piazza Risorgimento – Viale Mellusi – Via Nicola Sala), arrivato in Piazza Orsini intorno alle ore 7,35 si è “fermato” per non partire più a causa di un guasto meccanico. Grande ovviamente il disappunto dei viaggiatori e dei tanti ragazzini, alcuni anche delle scuole medie, che hanno dovuto raggiungere la scuola a piedi giungendovi in ovviamente con ritardo e disagio considerati gli zaini carichi di libri e quant’altro.

Certo, un guasto può accadere. Ma di quella linea in particolare la nostra lettrice ci ha spiegato che spesso saltano le corse, specie nel pomeriggio con tanta gente che attende inutilmente alle fermate. E molto spesso si tratta di persone anziane o minori che hanno solo l’autobus per potersi spostare da una parte all’altra della città. Non conosciamo a fondo la questione e certamente approfondiremo la questione interpellando proprio i cittadini del quartiere per conoscere eventuali altre problematiche.

Noi speriamo che il disservizio accaduto possa rappresentare il classico “incidente di percorso” e quindi non ripetersi nel tempo. Il rilancio di un’azienda parte proprio dalla sua efficienza e dalla fiducia che il consumatore ripone in essa.  Chi ha acquistato un abbonamento mensile o anche il semplice viaggiatore ordinario deve poter contare su un servizio minimamente efficiente (e puntuale) e non rischiare di rimanere per strada. Altrimenti meglio scegliere altri mezzi di trasporto e abbandonare i bus.