Doppio impegno casalingo per le due formazioni che partecipano ai campionati nazionali di A2; sabato prossimo , infatti, scenderà in campo prima la maschile che ospiterà il Noci e subito dopo la femminile che affronterà il Fondi.  Debutto casalingo per i ragazzi di coach Boglic, capitan Chiumiento & C. dovranno riscattare la sconfitta della prima giornata a Teramo; impresa non facile ma sicuramente alla portata dei giallorossi, il tecnico croato in settimana ha lavorato molto  per  correggere le piccole imperfezioni viste a Teramo.

A Benevento arriverà un Noci galvanizzato dalla vittoria nel vittorioso derbydi sabato scorso; i pugliesi di coach Maione, dopo aver sconfitto il Putignano vorranno sicuramente ripetersi e confermarsi come la vera sorpresa del girone C.
Debutto stagionale assoluto mentre per la formazione Femminile, le giallorosse faranno il loro esordio tra le mura amiche ospitando il Fondi. Cosi come la maschile, anche la femminile sarà guidata da coach Boglic, toccherà proprio al tecnico croato la valorizzazione e la crescita di un gruppo molto giovane come quello delle sannite. Simaldone & c. sono al loro secondo anno in A2 e dopo la positiva esperienza dello scorso anno vogliono sicuramente confermarsi, magari prendendosi qualche soddisfazione in più, che sicuramente meritano per l’impegno e l’abnegazione che giornalmente dedicano alla causa. Come scritto in precedenza, sarà compito di mister Boglic valorizzare al meglio un gruppo molto giovane ma già compatto, che quest’anno, se da una parte ha perso qualche pedina, che purtroppo per motivi sia di lavoro sia familiari non potrà essere presente, è stato integrato dall’arrivo della brava Nadia Carofalo; all’esperta giocatrice campana l’arduo compito di fare da guida alle giovanissime giallorosse.  
A presentarci il match con le laziali è il capitano di tante battaglie Sara Simaldone, ecco le sue parole: “Sabato sera inizia il nostro campionato ospitando la squadra del Fondi; un campionato sempre più impegnativo, sia per le giocatrici che incontreremo, sempre più forti, sia per le lunghe trasferte che ci attendono, ben tre in Sicilia. Quest’anno la squadra vede la mancanza di vecchi ‘pilastri’ che per motivi di studio sono andate via, lasciando con noi un pezzo del loro cuore. Largo quindi alle nuove generazioni! Lo spirito è combattivo, siamo pronte a lottare con la stessa tenacia e correttezza sportiva che ci ha sempre contraddistinto. Affronteremo le difficoltà a testa alta con l’aiuto importante del nuovo allenatore, un bravo professionista e una gran bella persona, e con l’affettuoso supporto dell’intera società a cui mando un grazie,mio personale e di tutte le mie compagne, per l’esempio di dignità, sacrificio, passione che ci hanno trasmesso in tutto questi anni”.