Si è concluso da pochi giorni il primo Forum degli amministratori campani, svoltosi presso il Centro La Pace di Benevento su impulso dell’Arcidiocesi, al quale ho partecipato in qualità di consigliera comunale di Benevento, in sorprendente solitudine. L’occasione è stata interessante per offrire un contributo di proposte e buone pratiche, manifestate in particolare all’interno dei laboratori tematici su ambiente, welfare, beni culturali e reti di sviluppo locale ..

Dal Forum è scaturita la promessa regionale della futura attivazione di un Tavolo permanente delle aree interne.

Personalmente, ritengo che la potenziale forza propulsiva del Forum vada conservata e riversata all’interno di un progetto veramente strategico per le aree interne, che andiamo a proporre.

Proprio in questi giorni, la Ministra 5 Stelle Barbara Lezzi, in coerenza con quanto già preannunciato ad inizio del 2019 in tema di strategie per il superamento del divario tra il Nord e il Sud, ha annunciato il Contratto istituzionale di sviluppo (CIS) per le città di Lecce e Brindisi, puntando ad una dotazione di 500 milioni proveniente dal Fondo sviluppo coesione.

Per esplicita ammissione della Ministra per il Sud, il CIS, già avviato dal Presidente Conte per i comuni della provincia di Foggia, è un modello da replicare in tutto il Mezzogiorno, in quanto consente di realizzare e accelerare investimenti, per esempio di rigenerazione urbana e in materia turistica e occupazionale, con la partecipazione e l’assunzione di responsabilità dei territori interessati.

Sulla base di queste importanti prospettive strategiche di sviluppo, propongo di portare sul promesso Tavolo Regionale delle aree interne progetti qualificati, elaborati da comuni, associazioni, imprese, consorzi, valutati da Invitalia, per la successiva creazione del “Contratto Istituzionale di Sviluppo delle aree interne Avellino-Benevento”, supportati dai rappresentanti locali presenti nel Governo, dai Parlamentari nazionali ed europei, dai Consiglieri regionali e comunali eletti nei due territori .