“Pensieri sotto le stelle” per l’Azione Cattolica di Faicchio che, insieme all’intera Unità Pastorale, ha incontrato ragazzi e giovani per un incontro in presenza per riscoprire la luce della speranza nell’oscurità dell’incertezza post lockdown, che ancora si sta vivendo in questo momento. Alla presenza dei parroci di “Santa Maria Assunta”, “Ave Gratia Plena” dei Casali e di “San Nicola di Bari” di Massa don Raffaele Liberatore e don Saverio Goglia, l’Ac ha accolto ragazzi e giovani rispettando le norme di prevenzione e di distanziamento sociale previste. Negli occhi dei ragazzi la voglia di vedersi e di stare insieme era superiore ad ogni aspettativa ed emozione. Così come la speranza di riprendere il cammino insieme. Davanti ad un braciere, preparato per simboleggiare un falò, c’è stato un profondo momento di ascolto e di confronto, sia tramite interventi sia tramite messaggi su whatsapp, su come le giovani generazioni avevano vissuto il periodo del lockdown, conseguente alla pandemia, cos’avevano imparato da questo tempo e cosa sognano e vorrebbero cambiare nel futuro, a partire dalla propria vita. La paura di non rivedere più amici e persone care, in generale e l’ansia del non poter più stringere le relazioni se non virtualmente sono state le difficoltà emerse maggiormente. Il sogno per il futuro, al contrario, è proprio quello di riscoprire maggiormente la cura delle relazioni, partendo dall’aver ritrovato sé stessi e il gusto dello stare insieme. Una riflessione dell’assistente Giovani diocesano don Giacomo Buffolino sul brano degli Atti degli Apostoli sulla discesa dello Spirito Santo, sui discepoli, nel giorno di Pentecoste e un’invocazione allo Spirito Santo, scritta da don Tonino Bello, hanno accompagnato quest’importante momento formativo comunitario molto partecipato.