1419 – Siqua Fata Sinant – Assalto al Castello” è giunta ormai alla IV edizione grazie al successo degli anni precedenti e al numero di visitatori arrivati in Irpinia.

Nella splendida cornice del centro storico di Montemiletto, dominato dal maestoso Castello della Leonessa, il 1 e2 Settembre 2018 avrà luogo la rievocazione storica dell’Assalto al Castello, per rivivere l’emozione e la suggestione della Montemiletto medievale.

La manifestazione è organizzata dalla Pro Loco Mons Militum presieduta da Florindo Garofalo, con il patrocinio del Comune di Montemiletto, dell’Ept di Avellino, della Provincia di Avellino, del Distretto Turistico, dell’Ordine Civico Mediceo, di Italia Medievale e Italia Accessibile.

A Montemiletto dunque rivive la storia. Tanti i turisti e curiosi che lo scorso anno hanno assistito all’assalto al castello, per incitare Algiasio Tocco e i suoi 500 uomini alla ripresa dell’antico demanio. Cartellone ricco di eventi per questa due giorni in cui i visitatori saranno immersi nella storia. Il programma della manifestazione quest’anno prevede l’inizio, sabato 1 settembre, alle ore 18.30 con un convegno con workshop sul turismo In Irpinia dal titolo “Il turismo Ieri, Oggi e Domani”, che si terrà nel Salone del Castello, a cura dell’Associazione Info Irpinia.

A seguire alle 19.30 in Piazza Umberto I lo Spettacolo dei Falconieri dell’Irno prima dell’apertura del mercato medievale e degli stand enogastronomici,alle 20.00. Tanti gli spettacoli e l’intrattenimento all’insegna della storia e della tradizione: dallo spettacolo musicale “I giullari di spade” a quello degli Artisti di Strada, “Zeno” fachiro e sputafuoco, che si sposterà stavolta all’ingresso del centro storico, alla Porta della Terra.

Successivamente, dopo il corteo, alle 23.30avrà luogo il momento più atteso, che dà il nome all’evento: il vero Assalto al Castello e la riconquista del feudo.

Domenica 2 settembre alle ore 21.00, nei pressi della Porta della Terra, ci sarà il Palio Arcieri, Armigeri e dama viventi (a cura dell’associazione Arcieri di Montemiletto, dell’oratorio Giovanni Paolo II e della compagnia “I cavalieri del Giglio”. A seguire il consueto appuntamento con gli spettacoli degli artisti di strada e dei Falconieri. Durante le due serate di festa sarà possibile inoltre degustare pietanze della tradizione di Montemiletto, a cura dell’Associazione “Terra Mia”; Visionare le costellazioni con l’associazione Astrea – Atripalda; Visitare il Museo della Tortura, allestito all’interno del Castello della Leonessa; Visitare e/o acquistare presso il Mercato Medievale, in Piazza Umberto I; Allietarsi con la vita di corte e i balli delle cortigiane grazie ai volontari della Pro Loco Mons Militum, presso il Castello della Leonessa e Tirare di arco antico grazie all’Associazione Arcieri di Montemiletto.

Cresce l’attesa per la rievocazione storica Siqua Fata Sinant – spiega Florindo Garofalo – Storia, identità e tradizione  ancora una volta saranno sublimati in uno spettacolo di grande impatto emotivo”. E sottolinea ancora: “Un ottimo risultato sono i patrocini ottenuti quest’anno, oltre a quelli ormai consolidati nelle precedenti edizioni. Per la realizzazione di un evento così complesso è doveroso un ingraziamento alle associazioni locali e a tutti coloro che collaborano ; in particolare un sentito grazie va alla Famiglia Fierimonte”.